Restauro ed adeguamento funzionale e tecnologico del "Palazzo delle Esposizioni" a Roma

Il "Palazzo delle Esposizioni" a Roma è un raffinato edificio neoclassico progettato dall'architetto Pio Piacentini, uno dei più importanti architetti romani, attivo nella capitale dalla fine del XIX secolo ai primi decenni del XX secolo. Aperto nel 1883 e creato con lo scopo di fornire alla capitale uno spazio adeguato per esporre le novità delle produzioni artistiche italiane sollecitando il confronto con fermenti europei simili attraverso mostre nazionali ed internazionali. L'edificio è stato teatro di molti eventi che hanno segnato la vita culturale del paese nel corso del ventesimo secolo fino ad oggi. Dal 2004 al 2007, il SAC S.p.A. e I.G.I.T. S.p.A, hanno effettuato un restauro generale, architettonico, statico e un rinnovamento tecnologico basato su un progetto di ABDR Associated Architects, dotandolo di una nuova organizzazione negli spazi con standard tecnologici di eccellenza. Mostre d'arte, fotografie, festival cinematografici, spettacoli teatrali, concerti musicali, presentazioni di libri e altri eventi sono ancora ospitati qui, nel più grande spazio espositivo interdisciplinare nel centro di Roma. Molto interessante è la moderna ricostruzione della "Serra". Struttura in acciaio e vetro già costruita nel primo progetto ma demolita negli anni '30. Bioclimatica e altre moderne tecnologie hanno permesso l'utilizzo di grandi superfici vetrate ad alte prestazioni: controllo dell'irraggiamento solare, isolamento energetico e resistenza al fuoco. Speciali dispositivi tecnologici "Katabar" svolgono una gestione ideale ed estremamente accurata della temperatura e dell'umidità delle aree espositive. Il consolidamento statico è stato ottenuto mediante l'uso di piastre di carbonio, il confinamento in muratura utilizzando tessuti e connettori in carbonio.